COVID-19 Controversia sui vaccini sulle parole di Chrysanti. Afifa: Questo è il modo in cui danneggia il Paese

Il virologo ha annunciato, ma in parte ha fatto marcia indietro, che non voleva essere vaccinato con l’arrivo delle prime dosi. Commento del presidente del Consiglio supremo della sanità Locatelli: “la vaccinazione è necessaria, se ci fosse oggi la faresti”.

Durante un intervento al Focus Festival, il Dr. Andrea Crisante, Immunologo presso l’Università degli Studi di Padova, Parla dell’arrivo di un vaccino contro il Covid (Aggiornamenti in tempo realeIl privato). “Di solito ci vogliono dai 5 agli 8 anni per produrre un vaccino. Pertanto, senza dati disponibili, non farò il primo vaccino che arriva a gennaio”, ha detto. Le sue frasi, in seguito parzialmente riviste (“Non sono contrario al vaccino, ma non leggerò i dati”), hanno suscitato reazioni contrastanti nel mondo accademico e nella ricerca. Il presidente della FIFA Nicolas Magrini ha parlato di “parole serie” che “causerebbero gravi danni al Paese oltre che a se stesso”.

Magrini (Aifa): “È sbagliato dire che gli studi clinici sono stati saltati”.

Leggi anche

Il numero uno dell’Agenzia Italiana del Farmaco deve ancora intraprendere la metà dell’azione contro Crisanti. “Le affermazioni attribuite al professor Chrysanti sono molto pericolose, perché provengono da qualcuno che ha parlato molto da esperto di questa epidemia, ma da quello che dice non sembra affatto – ha detto Magrini -. L’affermazione più pericolosa, come errore, riguarda le fasi di studi clinici che potrebbero essere state saltate: Gli studi clinici sui vaccini Covid-19 hanno eseguito tutte le fasi di convalida e valutazione “. Secondo il direttore generale di Aifa, “il professor Chrysanti con le sue parole sta causando enormi danni al Paese, oltre che a se stesso. Dopo aver visto tanti volontari, anche giovani, in tutto il mondo che si sono presentati per gli studi di Fase 1 su questi vaccini, ricordo a tutti che “La ricerca clinica si basa eticamente sulla fiducia, sulla generosità dei pazienti e su una buona metodologia di ricerca che rende credibile l’intero sistema di pubblicazioni scientifiche e agenzie di regolamentazione dei farmaci”.

READ  Corona virus, più di 50 milioni di infezioni nel mondo. Dal coprifuoco lunedì sera in Portogallo. +126742 casi negli Stati Uniti

Locatelli: “Se oggi ci fosse un vaccino, lo farei”

Approfondimento

Per il Presidente del Consiglio Supremo della Salute, Franco Locatelli, “Le schede di sicurezza dei vaccini che devono essere messi a disposizione in commercio, seppur in caso di emergenza, seguiranno un’intera serata di passaggi inevitabili che sono garantiti dagli organi regolatori. Quindi è sempre bene ricordare la responsabilità delle dichiarazioni che possono In seguito ha una risonanza mediatica. Tutti i vaccini avranno una risposta di sicurezza per proteggere l’individuo “, ha detto. Il capo della CSS ha poi aggiunto che “l’unico modo per sbarazzarsi di sarsCov2, oltre al lockdown, è creare l’immunità di gregge, quindi la vaccinazione è fondamentale, come imperativo morale per se stessi e verso gli altri. Era il primo vaccino in Italia oggi – e ha concluso – lo avrei fatto senza la minima esitazione”. La ragione più grande è che questo senso etico deve permeare il personale professionale in prima linea “.

Sedano: il vaccino Chrysanti è sbagliato e sicuro

Leggi anche

Per il vice ministro della Salute Pierpaolo Celeri, “Chrysanti ha torto. Il vaccino per il COVID-19 sarebbe sicuro”. Nel frattempo, lo specialista in malattie infettive Matteo Bassetti chiede che “il governo e la comunità scientifica prendano le distanze da queste gravissime accuse”. Guido Raci, ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA), ha detto mentre Mario Milazzini, amministratore delegato di Ics, ha affermato che i vaccini Covid “avranno la stessa sicurezza di tutti i vaccini approvati dall’esistenza dell’EMA” Mogheri, sottolineando che “i tempi sono stati fissati. I vaccini contro Covid possono essere effettuati tenendo conto del rigore scientifico e tecnico “.

READ  Di nuovo in rosso: una guida a norme e divieti in Toscana, Umbria e Liguria

Faya (Spallanzani): “Con pubblicazioni e licenze, riceverò la vaccinazione”

Approfondimento

“Se le pubblicazioni scientifiche e le autorità di regolamentazione dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino Covid, mi vaccinerò da solo”, ha affermato Francesco Vaya, Direttore della Sanità dello Spallanzani. “Sono stato vaccinato contro l’influenza e lo pneumococco perché mi sono sempre fidato dell’efficacia del vaccino – ha aggiunto il direttore -. Non è obbligatorio, ma credo sia necessario convincere le persone della qualità dei vaccini con i dati. Dobbiamo esserne sicuri. Il vaccino è sicuro ed efficace”. Da Milano, anche un virologo dell’Ospedale Saco, Massimo Galli, ha parlato della “necessità di un vaccino che porti a un’immunità più forte”.

Written By
More from Arzu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *