Finali ATP: Medvedev è il “Maestro” 2020. Ha sconfitto Tim in tre set in una partita tattica incredibilmente varia

Danielle Medvedev conclude alla grande il 2020 vincendo per la prima volta le ATP Finals e l’ultima a Londra alla O2 Arena. Ha sconfitto il grande Dominic Tim 4-6 7-6 6-4, in un finale davvero bello, vario e interessante. C’era attesa per questa finale, “il meglio che può” se il tennis voleva guardare avanti, trovare nuove competizioni e nuovi grandi campioni, ma lo spettacolo dei due ha superato le aspettative. Al recente US Open, Dominic e Daniel hanno giocato una buona partita, ma erano pieni di tensione ed errori più che di qualità. Oggi i due si sono sfidati a tutto campo, nella forza ma soprattutto nella frustrazione e nella testaE questo ha dato al pubblico televisivo uno spettacolo di tennis mai visto da tempo.

E ‘stata una partita molto speciale, con tappe molto tattiche e una partita di tennis molto più veloce e verticale, con tante discese in rete. Quasi match d’altri tempi e soprattutto un bello spettacolo, perché c’era una grande varietà e molti cambi di velocità nel tennis molto mentali e insoliti. Il braccio di ferro “mortale” non è un gioco faticoso con la massima rotazione, ma un gioco più raffinato, con palline che a volte sono lente e che si schiantano, e una molto veloce, con sorprendenti cambi di velocità. Tennis Logic, scritto anche da Tim, che è spesso relegato al ruolo di “fitness fighter”. Il tennis austriaco è sempre molto attivo, ma oggi ha giocato una partita diversa: la sua mancata penetrazione dell’avversario con il solo pressing, il colpo più decisivo nel suo match dopo servizio è stato il rovescio, arma grazie alla quale ha tolto percussione e pugno all’avversario, guadagnando tempo e spazio per la corsa. Medvedev, infatti, ha fatto molto affidamento sulla forza di Tim, e il momento migliore dell’Austria è arrivato quando è riuscito a girarsi con un colpo di dritto dopo averlo rallentato per spingere il cross o rovesciato; O rischiando un colpo lungo l’eccitante backline. Tim è andato vicino alla vittoria in finale: set prima, ea metà del secondo set ha avuto poche occasioni quando Medvedev ha mescolato così tanto le soluzioni da finire perplesso. Lì il russo è stato bravo a resistere, ha trovato delle ottime trasmissioni ma soprattutto è stato coraggioso, con il netto calo che continua a mettere sotto pressione l’avversario. È molto bravo anche nel tiebreak, quando ha perso 7 punti consecutivi 0-2.

Medvedev ha generalmente meritato il successo perché durante una partita molto varia e tattica era più energico e spesso con la palla in mano. Domina la velocità, con palline lente, tagli e poi accelerazioni improvvise; È stato bravissimo a credere al proprio gioco sotto rete, verticale nei momenti cruciali ea velocizzare Tim, che invece aveva bisogno di spazio per aprirlo e centrarlo. Medvedev ha mostrato un campione completo, con il quale potresti tessere una rete che ti avvolge e poi ti schiaccia, provocando un errore o un attacco improvviso.. In condizioni interne, Medvedev è forse il più forte oggi, come testimonia il raddoppio di Percy Masters che ha chiuso nel 2020: 10 vittorie. Particolarmente Medvedev ha battuto tutti in finale, compresi i primi tre in classifica: Djokovic, Nadal e Tim. Non è mai successo in finale. Applausi, e anche per Tim, che ha disputato un bel torneo e un’ottima finale, ha perso pochissimo.

READ  La chiusura inizia martedì

Marco Mazzoni

Ecco la data finale.

Si parte alle 18,14 dal Big Ben, con Medvedev nella mazza. Il russo è molto aggressivo, spinge e avanza, dà anche un rovescio molto basso ed è tecnicamente impeccabile. Dopo un doppio fallo, con due assi che spostano il punteggio, Medvedev 1-0. Danielle risponde ai servizi di Dominic, che inizialmente non riesce a sfondare ed è effettivamente costretta a lavorare un rovescio per rubare tempo e quindi pagare. Andiamo ai vantaggi e arriva il primo punto di rottura per i russi. Con il servizio esterno e colpirla con il destro, Tim la elimina a modo suo, con la forza. L’austriaco mantiene il servizio dopo aver annullato un secondo break point mandandolo. La durata della prima partita è di 2 minuti e 11 secondi … In questa partenza Daniel non subisce la spinta di Dominic a meno che non trovi l’accelerazione completa per rischio elevato; Gli unici punti che l’austriaco vince rapidamente sono quelli in cui iniziano con quasi la prima vittoria. Un chiaro segno della supremazia commerciale della Russia. Dopo aver ruotato il servizio, il gruppo avanza alla quinta partita. Tim ha vinto quattro punti di fila grazie alle sue ottime difese (e al suo disastroso successo di Medvedev), e ha guadagnato il suo primo break point nella partita. Doppio fallo! Medvedev concede letteralmente a Tim una pausa, partendo sul 40-0. 3-2 e servizio Tim prima estensione del match. Imbarazzato, il russo commette altri errori, infastidito dalla sensazione di guidare in partita ma in ritardo con tanti errori. 4-2 Il tema ha qualche grattacapo ma migliora la funzionalità. Dominic ora sta facendo bene, in pratica prende un pugno in mezzo, tirando un cross subito dopo; Medvedev non è riuscito a fare la differenza con la risposta, 5-3 Thiem. Danielle resta sulle sue calcagna e Dominic va a chiudere il primo set sul 5-4. Il campione degli US Open gioca con cautela, under 15-30, stringendo l’angolo con un colpo di dritto, e Medvedev colpisce il drappeggio. Un ottimo primo punteggio gli dà un set point dopo 48 minuti di tennis. Fortunato Thiem sul punto decisivo: gli ordini di Medvedev, affonda, corrono in griglia, ma un passante al centro vira sarcasticamente attraverso il nastro, che è impermeabile ai russi. 6-4 Tim, gruppo vinto con questa pausa imbarazzante di Medvedev. I numeri per i due sono praticamente identici, solo altri due vincitori per l’austriaco.

Il secondo gruppo, inizi con Danielle al bar. In vantaggio facilmente 1-0. “Domi” risponde con sicurezza, 1 tutti. Scambi più brevi a questo secondo inizio, i due vanno bene e cercano di recuperare più velocemente, o avanzare. Un superbo colpo di rovescio con una lunga linea ha fatto guadagnare ai russi 2-1 punti. Medvedev cerca con maggiore determinazione l’accelerazione lungo la serie di vittorie (soprattutto da destra) dopo aver mosso l’avversario. Stessa tattica per Tim, ma con un rovescio lungo, dopo averne giocato uno nella parte posteriore, per spezzare velocità e guadagnare tempo. La quinta partita, come nel girone A, lancia l’allarme in Russia. 30 tutto, Medvedev rischia un colpo lungo la striscia di serie ma esce dal nulla, è un punto di rottura per Tim. Brandello! Il salvataggio del russo, a questo punto molto aggressivo, determinato a velocizzare i tempi di cambio rispetto al primo gruppo, è stato molto più tattico e caratterizzato da lunghi scambi. Va 3-2, senza interruzioni. Al settimo gioco, Tim sta facendo molto bene con la schiena, Medvedev stravolge il ritmo e si innervosisce. 30 pari, troppa accelerazione del russo, che prende un destro lungo in cambio offre un altro break point al suo avversario, molto pericoloso. Medvedev si prende un rischio totale, andando in rete dietro il servizio e non giocando nemmeno un gran tiro, e non subendo fallo davanti a Tim. Un altro errore di pagamento è costato al russo il secondo punto di rottura del gioco. Asso si salva con il servizio (il settimo della partita, il secondo del gruppo ed entrambi al punto di sosta). Questa volta Dominic è quello che fa un passo indietro, tirando fuori un diritto dopo uno scambio senza fine. Ma Medvedev adesso è perplesso: prova il tiro che non arriva nemmeno a rete, continua a scendere nella rete garibaldina, si salva solo grazie al servizio e va sul 4-3. All’ottava partita, questa volta Tim ha fretta, e continua a sbagliare con il calcio frontale, come nella partita precedente, quando ha perdonato l’avversario. 15-30. Brandello. Al 30 par arriva un bellissimo scambio, ricco di cambi di ritmo e variazioni, e il russo lo chiude con un bel cross. Medvedev rompe la palla! Delimitato dalla destra, sulla linea, il grande tema da cancellare. La partita è tornata molto tattica, scambi lunghi, cambi di velocità e c’è un’ottima presentazione tecnica e tattica. Da 4 l’intero gruppo si affolla ai servizi, sempre con giochi tattici e divertenti. Medvedev va 6-5, tutte le pressioni sulle spalle di Tim in servizio. Ha le spalle larghe, “Domi”, a quindici anni vola al tiebreak.

READ  Covid oggi: lo scoppio del Coronavirus in Italia. 11 dicembre infezione

Daniel parte male, ordina uno scambio ma il destro muore su nastro. 1-0 Tim. Medvedev ordina un lungo contraccolpo e vola a rete, guadagnando un punto nel ritorno. Ha continuato a spingere, 2 per tutti e 2-3 Medvedev. Il russo è bravo ad attaccare l’austriaco secondo, che avanza e Tim manca i passanti. 4-2 Medvedev, quattro punti consecutivi per il russo. Virata veloce, angolo aperto, Thiem spara a destra in una corsa. 5-2 Medvedev, ora in servizio. 6-2 e quattro punti per Daniel. Brandello! 7-2, sette punti di fila e un gruppo alla pari. Bravo Medvedev a rispondere ad un momento molto difficile a metà del secondo set, quando sembrava che la partita fosse indirizzata all’austriaco, e controllo del “intervallo”.

Il terzo set, Tim sulla barra. Dominic non parte bene, niente prima e dura a lungo. 0-30. Reagisce aumentando la velocità e la prima partita del terzo vince i vantaggi. Medvedev tesse la sua rete, ancora una volta senza ritmo: palla alta, palla bassa, tagli, poi un colpo istantaneo. Il tema perde fiducia e anche il servizio non lo aiuta. Un brutto rovescio costa un terribile 0-40, tre occasioni per il russo di volare via. Con forza e coraggio l’austriaco si è salvato, grazie ad alcuni delicati primi nel finale. 2-1 Tema. Le sottomissioni vengono portate avanti fino alla quinta partita, quando Tim gli costa per costringerlo immediatamente a rompere un punto. Con la massima forza lo rimuove, un gran bel cross di destra. Il gioco è fantastico, con alcuni scambi sorprendenti ed estesi che mostrano la categoria di entrambi. Medvedev riesce finalmente a strappare il servizio di Tim alla terza occasione del match, con l’attacco che si spegne con il tempo in volo. Astuti come i rapaci. Medvedev ha rotto, portando 3-2 e servendo, e con il servizio, ha cementato la sua superiorità, prendendo 4-2 (anche due errori di Tim, un po ‘nervoso). Dominic trova una buona partita di servizio, resta in allerta 3-4, ma deve trovare una grande partita in risposta per rimettersi in gioco. L’ottava partita è giocata bene dal russo, tiene il comando e non lascia spazio al suo avversario (ha perso solo 5 punti di servizio nel girone C in 5 partite). 5-3 Medvedev, ad un passo dalla vittoria. Tim lavora per restare in partita, ma commette due errori fatali (anche strepitoso) che gli costano 15-30. La rabbia avanza e porta 4-5. Medvedev serve nella partita. Inizia bene con il servizio, 0-30; Tim non rinuncia a nulla, con un drammatico rovescio di 30 dorso, ma la risposta successiva è sbagliata. Punto incontro Medvedev. Il servizio straniero vincente. Partita di gruppo, Medvedev è il 51 ° Maestro, e conclude la stagione con le Double Finals Bercy-ATP. 10 vittorie consecutive, vinte tutte le partite e battute tutte le migliori. Applausi anche per Thiem che non si è arreso fino al punto della partita e ha disputato un ottimo torneo, con Perla della vittoria assoluta su Nadal nel girone, miglior match del torneo con la finale.

READ  Compaiono i nomi dei nuovi "ministri responsabili" del Conte Terre

La stagione ATP 2020 finisce qui (eccetto Challenger). Si spera che presto avremo notizie del calendario 2021 e, per di più, a gennaio, in qualche modo, il tennis verrà riavviato in sicurezza.

Marco Mazzoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *