“I media dovrebbero essere più razionali con l’Inter. Adesso è sbagliato attaccare Hakimi”.

Tocca a Andrea Ranocchia Appaiono nella sala riunioni di Appiano Gentile per parlare insieme Antonio Conte Dalla decisiva partita di Champions League in programma domani sera tra Inter e Borussia Moenchengladbach. Queste le parole del difensore nerazzurro:

Il confronto di cui ho letto dopo il Real Madrid è stato decisivo per la vittoria di sabato?
“Analizziamo sempre le partite del giorno dopo, ed esaminiamo le cose positive e negative. Non credo ci siano stati punti di svolta. Abbiamo giocato due ottime partite anche se la partita con il Real Madrid era fortemente condizionata dagli anelli, mentre con il Sassuolo abbiamo fatto una bella prestazione. La vittoria che ci dà morale”. Per sfidare il domani. “

Nella prima tappa hai complicato le cose da solo, cosa dovresti portare con te da quella sera alla partita di domani?
“Domani dovremo affrontare la partita come l’ultima del torneo, con spirito di squadra e voglia di vincere. Sapendo che siamo di fronte a una squadra forte, con una grande personalità, ma siamo convinti di quello che stiamo costruendo e non abbiamo altro che un obiettivo vincente. Domani non abbiamo altri risultati”.

Hai vissuto tante epoche dell’Inter, c’è un modo per descrivere l’epoca attuale?
“Quest’anno, con tutte le difficoltà legate perché abbiamo concluso il torneo il 21 e il 26-27 agosto, molti giocatori sono andati in Nazionale e hanno giocato tante partite, stiamo attraversando un periodo di grande crescita. Nelle qualificazioni per gli ottavi possiamo ancora Pensare a passare il ruolo e questo dovrebbe essere il nostro obiettivo nelle ultime due partite.Nel torneo ci siamo, in alcune partite ci siamo persi ma siamo qui. All’Inter quando le cose vanno bene sì cerca sempre di sbarazzarsene e vedere gli aspetti negativi, ma quando le cose vanno male sembra che Tutto viene buttato via. Tutto invece va razionalizzato e letto nel modo giusto. Siamo in corsa per tutti i gol, siamo all’inizio della stagione. È come dovrebbe essere “.

READ  Addio all'inno del calcio del cantante Jerry

All’Inter non ci sono mai mezze misure. Perché pensi che sia successo?
“Non so perché succede, ma è sempre stato così. Forse perché nel 2010 vinceva l’Inter, ma adesso sono passati dieci anni senza vittorie, quindi dobbiamo credere che il modo di pensare debba cambiare. Parte dei media. Che attacca tanti giocatori e allenatori. Adesso attacca Hakimi, ma viene da un campionato diverso e deve ambientarsi. Ha qualità ma ogni giorno vedo le condizioni di Hakimi, e questo è un errore. Nelle grandi squadre i giocatori non hanno tempo, ma spesso pregiudizi e giudizi. I preset sono frettolosi, le cose vanno viste per il verso giusto. Qui ci sono tanti giocatori che possono fare bene, il torneo è molto lungo e anche noi abbiamo tanti problemi con Covid. Ci sarà spazio per tutti, e spero che anche dai media ci sia più razionalità “.

Written By
More from Arzu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *