Massacro di uccelli a Capodanno a Roma

AGI – Aggiornamento alle 13.00.

Strage di uccelli a Roma. Centinaia di corpi di uccelli sono stati trovati morti per strada, a causa dell’esplosione di barili a Capodanno. Foto e video sono onnipresenti sui social network, tra cui Facebook e Twitter, e segnano, in particolare, un tratto di strada su via Cavour.

Roma: il grande risultato di stasera. L’uomo non si nega mai, non può fare molto. Le botti sono essenziali per lui.

Postato prima Enrico Rize per lui Venerdì 1 gennaio 2021

Alcune foto mostrano le mandrie, solitamente appollaiate sugli alberi intorno alla stazione Termini, che volano fino a scontrarsi con i cavi dell’alta tensione. I video sono stati girati intorno a mezzanotte. Inoltre, sono stati trovati uccelli morti in altre zone centrali della capitale. In Via San Vitale, nei pressi della Questura, sono numerosi i cadaveri di uccelli per strada.

“Il risultato meraviglioso di questa notte a Roma. L’uomo non si nega mai. Le botti gli servono.” È così che Enrico Rizzi, attivista per i diritti degli animali, ha commentato su Facebook, completo di immagini, la notizia di centinaia di cadaveri di uccelli trovati senza vita in molte strade di Roma dopo l’esplosione di barili a Capodanno.

Si sono scontrati tra loro per paura e confusione a causa delle esplosioni dei fuochi d’artificioCosì ha parlato la Lega Lippo, Associazione Italiana per la Protezione degli Uccelli, della strage di uccelli avvenuta a Capodanno a Roma.

“Ci sono pochi sopravvissuti – aggiunge il link – purtroppo la tecnica dello scoppio è spesso usata con confusione, soprattutto dai bracconieri. Gli uccelli dormono sugli alberi e al primo rumore sospetto si emozionano”. La paura li fa perdere la concentrazione e questo li porta a colpire l’un l’altro o un muro“.

READ  Con altre 4 persone che visitano il negozio

Meno probabilità di essere colpiti da petardi. “Avremo bisogno di un cecchino – spiegano ai volontari -. Quando siamo stati chiamati alle 2 del mattino non c’era molto da fare. Ci hanno detto che la Via Cavour era piena di uccelli morti, ma credo che sarebbe stato lo stesso anche in altre zone”.

Per giorni – spiegano Bergiorgio Benvenotti e Fabio Fecusico, presidente nazionale e capo romeno del movimento ambientalista Ecoitaliasolidale – abbiamo fatto appello in tutti i modi al sindaco Ragi perché vietasse l’uso delle botti all’ora stabilita e non ai 90 minuti. Tutto invano e come al solito il divieto è stato firmato oltre la scadenza quando Chi intendeva utilizzarlo l’aveva già ottenuto, ricordiamo da anni come i motivi che giustificano il divieto siano tanti: per tutelare la salute pubblica e il benessere degli animali, e quest’anno più che mai c’era bisogno di ridurre il carico di lavoro degli ospedali, già esposti. Sotto pressione a causa del Covid-19 “.

Written By
More from Arzu

Le 10 migliori offerte del Black Friday di Amazon oggi

Lorenzo Daily 26/11/2020 Raw 14:45 Due giorni liberi Venerdì nero A partire...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *