La perdita annuale dell’Italia arriva dopo un crollo dei prezzi del petrolio

La perdita annuale dell’Italia arriva dopo un crollo dei prezzi del petrolio

La compagnia petrolifera italiana Eni ha subito una perdita annuale nel 2020, con il suo amministratore delegato che l’ha definita “un anno senza precedenti nella storia del settore energetico”.

La società con sede a Roma ha convertito la sua perdita netta rettificata di 742 milioni di dollari l’anno scorso in un utile netto di 2,9 miliardi di dollari nel 2019.

L’epidemia di coronavirus ha visto il calo della domanda di petrolio e gas, tagliare i prezzi l’anno scorso, colpire le finanze delle compagnie energetiche e costringere le major mondiali del petrolio a segnalare le perdite entro il 2020.

Tuttavia, Eni è tornata redditizia nel quarto trimestre dopo che i prezzi del greggio sono aumentati di nuovo, il che ha portato un certo sollievo al settore alla fine di un anno brutale.

Ha riportato un utile netto di $ 66 milioni negli ultimi tre mesi dell’anno, facendo cadere la previsione di consenso di un analista a una perdita di $ 40 milioni. Ma questo è in calo dell’88% rispetto all’anno precedente.

La performance di Eni è stata “supportata dall’efficienza della nostra creazione di flussi di cassa e dalla nostra risposta alla crisi”, ha detto venerdì in un comunicato l’Amministratore Delegato Claudio Descalci.

Poiché i prezzi più elevati hanno compensato un calo dell’11% della produzione e del segmento dell’energia e delle energie rinnovabili, NY è stata coperta dalla sua attività di esplorazione e produzione di petrolio.

La società ha confermato un dividendo 2020 di 36 centesimi per azione.

Eni, come le sue controparti, sta portando avanti la sua strategia di conversione energetica in combustibili puliti sotto la pressione di investitori e attivisti ambientali.

READ  Italia Facebook ha attaccato Facebook con una multa di 8,5 milioni

Si prevede di svelare la sua strategia aziendale venerdì nei prossimi anni.

Eni ha annunciato lo scorso anno obiettivi climatici ambiziosi, promettendo di ridurre le proprie emissioni nette entro il 2050.

Mentre molti produttori di petrolio e gas stanno investendo pesantemente nell’energia pulita, fanno ancora affidamento sulla produzione di contanti per i combustibili fossili, il che significa che guideranno la maggior parte delle loro spese nei prossimi anni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

UNICITTA.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Unicittà